La situazione fotografica può essere letta in chiave psicologica perché ogni singolo scatto trattiene gli elementi salienti di una “rappresentazione” di un evento relazionale o emotivo dove si distinguono le stesse fasi di un dramma classico. Le fasi sono tre: prologo, parte centrale, epilogo.
 

 

Prologo
Comprende la preparazione della scena, la scelta dell’ambiente, la preparazione dei presenti e il loro senso di attesa. Ogni persona ha reazioni diverse in attesa dello scatto fotografico:

-     c’è chi si rifiuta sistematicamente di farsi fotografare: questa sarà la persona che mancherà sempre dagli album delle fotografie

-     c’è chi ama farsi fotografare in ogni luogo abbandonandosi all’obiettivo:questa persona comparirà spesso nelle foto e negli album di famiglia

-     c’è chi decide di farsi fotografare a patto di avere il controllo della situazione: è la persona che si mette in posa e dice a chi fotografa come fare e dove mettersi

-     c’è infine chi subisce la macchina fotografica senza dire ne sì ne no!

 
Parte centrale
Questa è il fulcro del “dramma” e consiste nell’azione che emerge dallo scatto della fotografia. Un fatto è condizionante: il rapporto dei soggetti con il fotografo condiziona molto la “riuscita” in chiave estetica oltre che psicologica della foto.

Il clou del “dramma” è la stampa fotografica. Qui si può osservare il vissuto della persona nel momento dello scatto: ci sono persone, ad esempio, che tollerano male l’intervallo tra il clic e la fotografia realizzata e per questo cercano di accorciare i tempi. Spesso le si vede goffe, impacciate o fintamente distratte.

 
Epilogo
Questo consiste nell’esame finale della foto. Qui emergono sentimenti nascosti molto significativi, per questo la gente ama riguardare le foto. Toccando la carta stampa e guardando l’immagine si va a ricercare con tutti i sensi (vista, tatto, olfatto e udito) l’eco emotivo del momento dello scatto.

C’è chi ricorda gli odori, chi la risata della persona a fianco, chi l’emozione o la tensione della giornata, chi ha ben presente davanti a se come è andata la scena.

Le persone quando visionano il risultato della stampa fotografica per la prima volta reagiscono in maniera diversa: c’è chi resta deluso, chi si entusiasma, chi è soddisfatto, chi non si riconosce, chi si arrabbia e strappa la foto…….

Fa parte dell’epilogo anche come vengono conservate le fotografie ed ha un forte significato emotivo: c’è chi le custodisce amorosamente, chi le dimentica in fondo a qualche cassetto, chi le ha sparpagliate in giro per casa, chi le cataloga, chi conserva tutto, chi le seleziona scartando quelle venute male e considerate “brutte”, chi ne ha pochissime e chi ne ha tante.

Le fotografie dunque, sono “specchi della memoria”, nel senso che dalla loro visione tutti noi possiamo ritrovare intatti ogni tipo di ricordo, da quello banale a quelli speciali.

Molti dei nostri ricordi spesso sono strutturati intono alle foto che siamo soliti guardare o che ci vengono mostrate dai nostri genitori, come a sottolineare che quella foto trasmette molto dei ricordi che si vogliono conservare nella memoria.

 

Barbara Camilli

Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline