Le Biedine

La Beta vulgaris fa parte della famiglia delle chenopodiacee e trae origine dalla Beta Marittima che vegeta spontanea sulle coste del mediterraneo.

La Bietola è una verdura che è sempre presente nei nostri mercati, ma la stagionalità migliore sono i mesi freddi e primaverili, da settembre a maggio.

La bietola contiene molta acqua ed per alcuni ha un sapore un pò sgradevole, nonostante questo è un alimento molto importante nella dieta di tutti noi.

 

Origini e storia

La bietola è un vegetale endemico di tutto il bacino del Mediterraneo.

Era sicuramente già nota ai Greci e ai Romani, che la impiegavano sia in cucina sia come rimedio medicamentoso.

Solo di recente si è diffusa anche nel paesi nel Medio ed Estremo Oriente, dove era praticamente sconosciuta.

Nonostante sia conosciuta da millenni la ricerca e l’ibridazione non hanno cambiato molto il suo aspetto e le sue qualità peculiari.

Gli ortaggi trovano ampio spazio nella pittura in particolare nel periodo Barocco dove lattughe, cavoli, frutta, bietole e molto altro trovano un canale di espressione artistico.

 

 

Dipinto di Tommaso Salini

 

Proprietà

Le proprietà principali si possono riassumere in attività lassative, proprietà contro l’anemia, capacità rinfrescanti ed emollienti. E' un alimento rinfrescante e mitigante, calma le infiammazioni a carico dell'apparato digerente, è quindi indicato quando ci sono ristagni di cibo o feci, stitichezza, emorroidi e borbotti. La Bietola è ricca di fosforo, magnesio, ferro, calcio e potassio perciò ne trovano giovamento le persone anemiche.

 

Le calorie contenute sono molto basse, 100g di bietole fresche contengono poco meno di 30 calorie.

Un composto di foglie di bietola cotte in acqua e condite con molto olio è molto efficace contro la stitichezza. Anche conservando l’acqua di cottura di queste foglie condita con olio e bevuta preferibilmente al mattino ha un effetto lassativo efficace.

 

Ricette

Bietole alla Parmigiana

Curiosità

La parola parmigiana si trova nel celebre trattato Il Cuoco Galante di Vincenzo Corrado, che, tra il XVIII e il XIX secolo, prestò servizio nelle più prestigiose casate napoletane. Lui iniziò ad introdurre questo termine.


 

Ingredienti

1 kg di bietole da coste

250 g di mozzarella ( quella per pizza)

50 g di grana grattugiato

300 g di passata di pomodoro

1 spicchio di aglio

1 cucchiaio di farina

succo di mezzo limone

2 cucchiai di sale grosso

60 g di burro

50 ml di olio evo

sale

Procedimento

Preparate le bietole, separando le parti bianche dalle foglie, lavatele sotto l’acqua corrente, eliminate i filamenti e tagliate le coste a tocchetti. In una pentola capiente versate due litri di acqua con la farina ed il succo di limone, mescolate e portate a bollore. Aggiungete 10 g di sale grosso e versate le coste bianche. Lasciate lessare per 15 minuti. Nel frattempo versate in una pentola, con la sola acqua di lavaggio, le foglie verdi ed unite il sale grosso rimasto. Mescolate e fate cuocere 10 minuti. Scolate sia le coste, che le foglie, fate raffreddare e strizzate bene. Insaporite la verdura in padella con olio di oliva, saltate per 5 minuti. Nel frattempo preparate il sugo di pomodoro, facendo soffriggere l’aglio con l’olio e dopo qualche minuto versate la passata. Salate e lasciate cuocere per 15 minuti a fiamma dolce.

Accendete il forno e portatelo alla temperatura di 200°. Tagliate la mozzarella a tocchetti. Ungete una teglia e stendete sul fondo uno stato di coste e foglie e cospargete con pomodoro, qualche pezzo di mozzarella e grana. Le dosi vi basteranno per due strati. Infornate per 20 minuti. Servite tiepido.


 

ZUPPA DI BIETOLA E CECI
 

 

Ingredienti

  • 1 fascio di bietole

  • ceci lessati

  • 1 carota

  • qualche gambo di sedano

  • 1 cipolla

  • prezzemolo

  • qualche cucchiaio di pomodoro

  • 2 patate

  • 1 cucchiaino di dado in polvere o un pezzetto di dado semplice

PREPARAZIONE

Lavare e pulire bene le bietole, avendo cura di togliere le parti terrose dei gambi.
In una casseruola soffriggere in poco olio, la carota ovviamente tagliata finemente, la cipolla, il sedano e il prezzemolo.
Aggiungere le bietole tagliate a striscioline, il cucchiaino di dado bimby, qualche cucchiaio di pomodoro, due patate tagliate a dadini e i ceci lessati.
Aggiustare di sale e pepe e lasciar cuocere. Lasciar cuocere per 40′ minuti circa o almeno fino a quando la zuppa si è addensata, per chi desidera aggiungere un pò di gusto di porco alle ricette può aggiungere delle fettine di pancetta rese croccanti prima in padella oppure aggiungere alla zuppa in cottura dei pezzetti di salsiccia sbriciolata.

Per accompagnare la zuppa di bietole e ceci, si possono scaldare in padella alcune fette di pane, aromatizzate con il rosmarino e origano.

 



 

News Letter

Iscriviti alla nostra news letter e ricevi in presa diretta le nostre ultime novità


Ricevi HTML?

Grazie e Buona Vita

Login form

Consigli

Domanda consiglio a chi ben si corregge.

Leonardo Da Vinci


Temere

E' inutile temere cio' che non si puo' evitare

proverbio latino


La pace

In definitiva, la pace si riduce al rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo - opera di giustizia è la pace - mentre la guerra nasce dalla violazione di questi diritti.

Karol Jozef Wojtyla


Williams college

Arrampicati sempre più in alto, la tua meta è il cielo, il tuo obiettivo la stella.

iscrizione davanti al Williams College


Lacrime nuove

Non sprecare lacrime nuove per vecchi dolori.

Euripide


Informativa sui Cookie

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.