SEMI DI SESAMO

I semi e l’olio di sesamo hanno caratteristiche uniche. Pensate che di questo seme si narra anche nei racconti e nelle fiabe, di questi infatti si usa dire “Apriti sesamo!” quando si devono aprire le porte sull’impossibile. Ed in effetti è così, i principi attivi di questo seme aprono le porte alla forza e alla vitalità per ogni essere umano ed animale. È un ottimo ricostituente a livello generale agendo in maniera specifica sulla milza, il sistema nervoso (è un ottimo calmante e tonificante lavorando positivamente nel mantenere lo stato di concentrazione e di prontezza), i muscoli e la pelle.

Questi semi racchiudono un concentrato di principi efficaci per la crescita, come calcio, fosforo, magnesio, silicio, ferro, acido linoleico e linoleinico, vitamine B, E, T, e D, istamine. Lo si può vedere come una pillola vitaminica e di minerali.

In particolare la vitamina T aiuta ad incrementare la produzione dell’emoglobina (pigmento portatore di ossigeno dei globuli rossi) aumentando le piastrine ematiche, a ripristinare il normale colore della pelle se livida e a migliorare il tono muscolare, inoltre sono una fonte di proteine.

Studi hanno dimostrato che 20 gg di olio di Sesamo assunte quotidianamente raddoppiano il numero delle piastrine in un periodo che va dalle tre alle quattro settimane. Tra le indicazioni è utile per chi soffre di osteoporosi e per chi ha problemi di memoria.

In Sicilia è largamente coltivato, si può acquistare in sacchetti e tostarlo al momento dell’uso.


SEMI DI LINO

I semi di lino sono poco conosciuti e la popolazione ne fa poco uso, salvo chi si alimenta seguendo un regime alimentare salutista. Oltre ad essere usati nella produzione dell’olio questi semi sono utilissimi nelle costipazioni, il meteorismo, inoltre i loro principi nutritivi sono un valido aiuto per proteggere la pelle perché ricchi di vitamina F.


SEMI DI GIRASOLE

Il fiore del girasole produce dei semi buonissimi e pregiati, poiché ricchi di preziosi nutrimenti. I semi di girasole infatti sono ricchi di proteine, vitamine, sali minerali, enzimi, acido linoleico importante ed efficace nella prevenzione dell’infarto. Sono semi protettivi per natura.

 

MANDORLE

Per il ridotto contenuto in grassi, tra i semi la mandorla è quella più digeribile ed equilibrata dal punto di vista nutrizionale. Inoltre si distingue dagli altri semi per l’elevato contenuto in vitamina B2 e fosforo. Tra i suoi eccipienti ritroviamo la vitamina A, calcio, ferro, ed un enzima che agevola la digestione dei cereali. Ottimo rimineralizzante viene consigliato per chi soffre di astenia, chi ha problemi di infiammazione alle vie respiratorie o dell’apparato digerente, urinario e genitale. L’assunzione di mandorle e derivati (come il latte di mandorle ottenuto dalla macerazione delle mandorle sbucciate) è consigliato durante la gravidanza e l’allattamento.

Ottimo antinfiammatorio, la mandorla ha proprietà antinfiammatorie, antisettiche intestinali, ed equilibra il sistema nervoso. Alcuni medici naturopati asseriscono che è un efficace anticancro.


NOCI

La noce tra i semi oleosi apporta un elevato potere energetico. Ricca in acidi grassi polinsaturi, proteine, vitamine A B C P e sali minerali è utile nella formazione dell’emoglobina, nelle attività ghiandolari, nelle malattie della pelle e nei calcoli renali inoltre è un eccellente aiuto in caso di astenia, super lavoro intellettuale e anemie.
 


NOCCIOLE

Anche questo seme oleoso è ricco di grassi solamente che, a differenza della noce, risulta molto più digeribile soprattutto dai bambini. Grazie alla nocciola si possono preparare moltissimi piatti, in particolare la crema di nocciola, per i golosi è una vera leccornia. Tra i principi nutritivi di cui è ricca un posto importante è occupato dalle proteine, dalle vitamine (B1 A C PP), zuccheri e amidi.

Curiosità: se consumata a fine pasto ha un blando effetto lassativo.


PINOLI

L’ospite della pigna è il pinolo, piccolo allungato e biancastro. Questo seme pur nelle sue ridotte dimensioni sprigiona una grande quantità di proteine, circa il 30%. Si dice che tra i semi è quello più ricco in proteine e vitamine (A B1 B2 PP). Tra le sue proprietà nutritive si ricordi che è un alimento tonificante e protettore delle vie respiratorie. Ottimo alimento si presta in moltissimi piatti sia dolci che salati.


ARACHIDE, ANACARDIO, NOCE DEL BRASILE

Questo seme comunemente viene conosciuta come “nocciolina americana”. Ricco in proteine per l’elevato contenuto in fitina (ad azione demineralizzante) è un alimento da mangiare con cautela. Pur essendo uno dei semi più popolari e noti è quello da consumare con più cautela. Il suo olio può essere lesivo per le arterie.
 


PISTACCHIO

I principi nutritivi di questo seme sono analoghi agli altri. In tavola si presta in molti usi, aromatizzante per dolci, conserve, salse, salumi e gelati.


OLIVE

Polpa a parte, il seme ed il frutto vengono utilizzati nella spremitura per ottenere l’olio extra vergine. Ricca di vitamine A-B-C, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro. E’ un alimento salubre e digeribile, indicata per gli anemici e i rachitici, stimola la secrezione della bile, utile nella stitichezza e nell’iperacidità di stomaco.


A Sanda Luc min la smend nder ca na muc
Se si semina a San Luca, i semi non appassiscono

 


01 gennaio 2008

Barbara CAMILLI

News Letter

Iscriviti alla nostra news letter e ricevi in presa diretta le nostre ultime novità


Ricevi HTML?

Grazie e Buona Vita

Login form

Le cose che cambiano

Coloro che dicono che il mondo andrà sempre così come è andato finora…contribuiscono a far sì che l’oggetto della loro predizione si avveri
 
Immanuel Kant


Felicità e Malvagità

Nemo malus felix
Nessun malvagio è felice

Giovenale


L'effetto dell'amore

Il primo effetto dell'amore è di ispirare un gran rispetto: si ha una sorta di venerazione per ciò che si ama.
E' giustissimo: non si vede nulla nel mondo come ciò che si ama.

Blaise Pascal


La vera scoperta

La vera scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel vederli con nuovi occhi

Marcel Proust


Solitudine

Si è più felici in solitudine che in compagnia. Non deriverà forse dal fatto che in solitudine si pensa alle cose e che in compagnia si è costretti a pensare alle persone?

Nicolas Chamfort


Informativa sui Cookie

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.