Sole d’autunno inatteso,
che splendi come un di là,
con tenera perdizione,
e vagabonda felicità,
tu ci trovi fiaccati,
volti al peggio e la morte nell’anima.
Ecco perché ci piaci,
vago sole superstite
che non sai dirci addio,
tornando ogni mattina
come un nuovo miracolo,
tanto più bello quanto più inoltri
e sei lì per spirare.
E di queste incredibili giornate
vai comprendendo la tua stagione
ch’è tutta una dolcissima agonia.

da “Ottobre” di Vincenzo Cardarelli

Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline